Quante cose puoi fare nel bosco?

Nel bosco puoi camminare, ascoltare, annusare.

Fermarti.

Riposare.

Correre. Ridere.

Piangere.

Pensare.

Sorridere.

Abbracciare un albero. Commuoverti. E sapere che, davvero, va tutto bene.

Raccontare storie

Scrivere storie.

Bere un tea.

E sentirti davvero a casa…

Il Bosco dei Folletti ci aspetta per una giornata unica di scrittura itinerante, fiabe, parole ed emozioni.

Sabato 25 Luglio, per ogni informazione e iscrizione clicca qui oppure scrivi a fiabeincostruzione@gmail.com.

Abbiamo camminato. Abbiamo annusato. Abbiamo ascoltato. E siamo rimasti in silenzio, incantati dall’immensità del Bosco.

E le parole che prima erano pesanti, sono arrivate leggere, libere come farfalle, e i pensieri si sono cristallizzati in ricordi perfetti, attimi preziosi.

Abbiamo scritto, consolati dal vecchio tronco di un grande castagno, seduti all’ombra dell’albero degli Innamorati, per raccontare l’amore contrastato, accolti nel caldo abbraccio dell’albero del Tempo per onorare le nostre emozioni.

E poi è arrivato il momento delle storie. Piccoli stralci di anima che hanno raccontato molto più delle parole che li narravano, che hanno sorpreso, commosso, fatto pensare.

Storie che ci sono rimaste attaccate, che chiedono di essere raccontate, ancora…

Grazie di cuore a catena rossa alla porta delle fate e a tutti nuovi viaggiatori…

La magia si ripete, sabato 25 luglio! Per ogni informazione clicca qui o scrivi a fiabeincostruzione.com

“Mentre stavano andando alla porta, Marcus si fermò.

«Ah… Mi stavo dimenticando». Tornò in cucina e con il dito indicò un angolo buio, fra il tavolo e la porta finestra, che dava su un minuscolo terrazzino.

«Quella è la mia tartaruga», indicando quella che sembrava una scatola da scarpe.  «Ma non preoccuparti non ti disturberà». Sorrise, soddisfatto per la battuta, e poi, finalmente, se ne andò.

L’uomo chiuse la porta e vi si appoggiò con un sospiro, l’ennesimo.

Fece mentalmente un rapido resoconto della situazione: ok, non sembrava male. A parte la tartaruga. Ci mancava solo uno stupido animale. Marcus non gli aveva detto di darle da mangiare o altro, e menomale, non aveva certo il tempo di badare a niente e a nessuno.  Ce la faceva a malapena con sé stesso.

Improvvisamente distrutto, andò in camera, si stese sul letto e dopo due minuti dormiva profondamente.

La tartaruga, nella sua scatola, si puntò sulle zampine e tirò in alto il muso annusando l’aria. C’era un odore nuovo: odore di umano ok, misto a quello della paura, della solitudine, e del dolore. Li riconosceva, lei aveva lo stesso odore.

Ma ne sentiva un altro, diverso da tutti gli altri. Era un odore buono.”   L’uomo e la Tartaruga

Quando un animale entra nella nostra vita, anche il più piccolo, non è mai per caso, ma accade perché ha un compito importante da portare a termine con noi.

Quando noi ci prendiamo cura di un animale, anche il più piccolo, forse non sappiamo che ci stiamo prendendo cura anche  della nostra anima.

L’ uomo e la Tartaruga, è una favola metropolitana, con la bella copertina di Elena Bertoloni, pubblicata da Giovanelli Edizioni, e quello che mi piace tanto del mio editore, è che è molto attento e attivo nel promuovere attività per diffondere il rispetto e la protezione degli animali. Di tutti gli animali.

Sono molto legata a questa storia e sono davvero onorata, e contenta che L’ uomo e la Tartaruga, che Giovanelli Editore ha donato alla LAV di Bologna, sezione antivivisezione, sarà utilizzata, insieme ad altri libri sul tema, nelle scuole e aiuterà i volontari, nella sensibilizzazione dei ragazzi al rispetto e tutela degli animali.

Insegnare ai nostri bambini, fin da piccoli, che gli animali sono esseri senzienti, che provano emozioni – gioia, paura, tristezza e dolore- e che ogni vita va onorata, è il primo passo per crescere adulti, empatici e rispettosi di ogni forma di vita diversa da quella umana.

Cominciamo a cambiarlo, questomondo…

 

L’uomo e la Tartaruga è in vendita presso Feltrinelli,  IBS e il Libraccio.

Amo la fiaba di Cappuccetto Rosso e non è un caso che lei e il lupo siano insieme, vicini, quasi avvinghiati, nel logo di Fiabe in costruzione.

Quando ho iniziato il mio meraviglioso viaggio nelle fiabe, l’ho portata con me, ovunque, una piccola, immensa ambasciatrice delle fiabe, per diffonderle, per narrarle, per ascoltarle. 

SAMSUNG CSC

Per risvegliare. Per trasformare. Per accogliere. Per crescere e cambiare; anche il mondo, perchè le fiabe, possono cambiare questo mondo: portano il cambiamento.

La piccola Cappuccetto è stata nel verde umido e profumato dei boschi, sola e timorosa nel misterioso silenzio della nebbia, gioiosa, rinfrescata dagli spuzzi di un ruscello di montagna. 

Ha avuto paura, appoggiata al guard-rail di un’autostrada, si è immensamente divertita a un matrimonio gay e si è commossa perchè ha visto il vero amore, ha fatto mille nuove amicizie che l’hanno accolta,  si è innamorata di due braccia tatuate che l’hanno stretta in un sensuale abbraccio, si è sentita bene, immensamente bene – si è sentita a casa – fra i graffiti di una fantastica metropoli…

Raccontando fiabe... E qualcuno che non le aveva mai lette, ha comprato libri, qualcuno che non le aveva mai ascoltate, ha narrato  la sua prima fiaba al proprio figlio. 

Qualcuno che non piangeva mai, si è  commosso fino alle lacrime, qualcuno che era senza fiducia,  ha trovato nuovi sentieri da percorrere con nuova energia.

Questo era il mio sogno. Questo è il mio sogno. Il viaggio iniziato anni fa, prosegue, con nuove cose da imparare, nuove idee, nuove persone e fiabe sempre da scoprire.

Fiabe da portare in giro, da portare ovunque, fra i sassi morbidi e puliti in riva al lago, o fra la sporcizia di una strada trafficata delle città.

Perchè le fiabe sono di tutti.

E il viaggio continua…

Quando portiamo a passeggio i nostri cani, soprattutto in campagna, li vediamo rotolarsi, zampe all’aria, in alcuni punti del percorso: meglio se sono maleodoranti! Pipì di coniglio, o di qualche animaletto, se vi va bene, oppure meglio non pensarci. Ma per loro è un momento fondamentale di grande gratificazione: rispondono al bisogno atavico e istintivo di fare parte del tutto, assumendone l’odore, per mimetizzarsi nella caccia. Se fate attenzione, quando il cane trova il punto migliore ci si butta, appoggiando prima la spalla, e poi si lascia andare allo strofinamento sulla schiena. Questo perché il punto fra la gola e la spalla è un punto di energia molto importante per l’animale, l’ottavo chakra, detto anche chakra brachiale.

Gli animali si orientano con i sensi, ad esempio l’olfatto, che hanno molto sviluppato rispetto a quello dell’uomo, ma anche con l’energia. Anche gli animali hanno i chakra – ruote energetiche, punti che racchiudono l’energia vitale- e a differenza dell’uomo che ne ha sette principali, e sono simili per posizione, alcuni animali ne hanno otto, come il cane e il gatto appunto. Gli insetti ne hanno 3 al massimo, e in genere hanno un solo chakra che è quello della radice, che li collega istintivamente, alla terra e alla sopravvivenza.

Attraverso i chakra, gli animali ricevono ed emanano l’energia essenziale fra i corpi fisici e sottili; i pensieri e le sensibilità dell’animale filtrano, attraverso essi, al corpo fisico, in cui si trasformano in manifestazioni esterne, come comportamenti atteggiamenti e reazioni alle situazioni.

Attraverso i chakra, gli animali vivono le emozioni.

Come per l’ uomo, quando i chakra sono chiusi e non in equilibrio, per esperienze precedenti, per situazioni negative – ad esempio maltrattamenti – si originano comportamenti inadeguati, stress, aggressività o apatia, che se non vengono trattati, diventano poi malattie.

Il reiki agisce per il riequilibrio e il corretto funzionamento dei chakra, per portare salute e benessere all’animale:

I chakra principali sono:

. chakra della corona, colore rosso

. chakra sacrale, colore arancio

. chakra del plesso solare, colore giallo

. chakra del cuore, colore verde.

. chakra della gola, colore azzurro

. chakra del terzo occhio colore indaco

. chakra della corona, colore viola

Infine l’ottavo chakra, il chakra brachiale: colore bianco. E’ il punto di connessione principale con gli altri chakra, punto di partenza per la guarigione, e centro fondamentale di interazione con l’uomo. Quando volete rassicurare un cane o un gatto spaventato, per creare fiducia in voi, massaggiate dolcemente quella zona per attivarlo.

Gli animali riconoscono il reiki e sono essi stessi che, durante il trattamento mi mostrano dove ne hanno più bisogno, spostandosi con il corpo. Allo stesso modo, sanno come prendere da soli l’energia: quando si fermano improvvisamente in un punto preciso di una stanza, o fuori, in un giardino o in un campo. Riconoscono che quello è un punto energetico e tramite i chakra che hanno sotto le zampe, ricevono l’energia. Oppure strusciandosi per terra, o strofinandosi attorno alle gambe del loro umano, tipico dei gatti- attivano i propri centri energetici e ne hanno immediato benessere.

Sono Reiki Master, Animal Reiki Master e Animal Ascention Reiki .Il Reiki è una pratica energetica che interviene per il benessere dell’animale portando equilibrio e sciogliendo nodi e squilibri emotivi che sono la causa di stress, comportamenti inadeguati, solitudine, e malattie. Per gli animali che hanno subito maltrattamenti, che sono spaventati da ogni cosa, per ambientarsi in una nuova casa, per le malattie. Per gli animali in fase terminale per accompagnarli con dolcezza e armonia al loro viaggio sul ponte. Il reiki agisce anche a distanza e lavora solo per il benessere dell’animale, un benessere che arriva anche al suo umano. Animal REIKI

 

Non ci sedie.

Non ci sono tavoli.

Non ci sono comodità.

E tu sei lì, con il tuo taccuino e la tua biro fra le mani. Alzi la testa a guardare il tetto di alberi…

E ti rendi conto, che non ti serve nient’altro.

Ci sono luoghi magici per scrivere…

 

Nella nostra nuova casa, la Stanza dell’Ascolto, è una stanza davvero speciale. L’abbiamo scelta con grande cura. E’ una stanza grande, grande, se lo desideri, ma può essere anche piccola, calda e accogliente. Siediti sulla nostra vecchia, ma comoda poltrona. E chiudi gli occhi. La stanza diventerà il tuo posto, il luogo dove trovare quiete. Dove i pensieri diventano più lenti. E le parole, facili da dire.

Mi sono rivolta a Maria perché mi sentivo in difficoltà in certi passaggi della mia vita è avevo bisogno di capire di più.
Il progetto intrapreso è un percorso interiore e Maria è un supporto fondamentale, si lavora insieme. Incontro dopo incontro escono sempre più aspetti del mio mondo interiore e riusciamo a mettere sempre più a fuoco la direzione da prendere. Ci sono momenti in cui sembra davvero difficile quasi impossibile..ma poi ad un tratto sembra tutto così chiaro e risolvibile, il cambiamento può avvenire.
È un percorso che consiglio a chi vuole davvero mettersi in gioco e Maria è la persona giusta con cui affrontarlo. V.T.

A volte il nostro cammino diventa più difficile, il sentiero più tortuoso al punto che diventa complicato proseguire. A volte siamo obbligati a fermarci, perché non sappiamo più che direzione prendere e restiamo confusi, aspettando che qualcosa o qualcuno ci indichi la strada. E cominciamo a sentirci fuori posto, inadeguati. Spaventati. Oppure la vita che abbiamo portato avanti fino ad ora, improvvisamente non ci appartiene più. Cosa è successo? Perché mi sento così disorientato?

Altre volte non riusciamo più a trovare motivazione nel nostro lavoro e diventa davvero difficile elaborare una nuova identità professionale, perché la paura del cambiamento, crea blocchi stagnanti.

Ho imparato, ed insegno che la prima cosa da fare è accogliere il disagio. Noi siamo umanamente fragili ed è anche la nostra bellezza. Accogliamoci e cerchiamo aiuto, senza vergogna, perché le ferite dell’anima hanno bisogno di essere curate.

Nei miei incontri di crescita ed evoluzione personale faccio un primo incontro conoscitivo, senza impegno,  e poi, dopo aver scelto insieme il percorso da fare, utilizzo:

percorsi di  fiabe, che sono uno strumento meraviglioso di evoluzionepercorsi di  scrittura, anche itineranti, che  è una pratica  di introspezione e catarsi,  percorsi di  Reiki per armonizzare gli squilibri energetici che sono spesso alla base di problemi fisici ed emotivi. Eseguo questi trattamenti, individuali e di gruppo,  anche a distanza.

Ti accompagno per piccolo tratto di strada. Non sempre è un viaggio facile: è necessario incontrare ed affrontare  i propri mostri interiori, ma poi la strada si aprirà a  una nuova consapevolezza di sé e delle proprie risorse, maggior sicurezza, autostima e fiducia per affrontare il cambiamento, senza paura, e ritrovare armonia e benessere.

Ed ora, siediti, e fermati quanto vuoi. Riposati, per un po’...

Per informazioni, per un colloquio o per fissare una sessione di prova scrivi a fiabeincostruzione@gmail.com  o telefona al 3496501558

Da sempre tengo un diario, anzi più diari. Taccuini, che amo, pieni di parole, messaggi, memo, schizzi., pezzi di storie. Scrivo fiabe, curo un blog e, già questa, è  una forma per raccontare, ad altri e per altri, raccontando di sé. C’ è sempre una parte di noi in quello che scriviamo.

Scrivere per un blog è quasi come tenere un diario. Quasi, perchè l’atto di prendere un taccuino –  può essere un  quaderno, un blocco; l’ importante è che ti piaccia – aprirlo, guardare le pagine che hai scritto nei giorni precedenti – già questo ti regala un senso di appartenenza – e arrivare alla pagina bianca che aspetta solo di essere riempita di parole… E’ già un rito.

Tenere un diario vuol dire scrivere di sè, per sè, ogni giorno, ogni volta che ne abbiamo voglia, due righe o un papiro; ma vuol dire raccontarsi, esprimere le emozioni inconsce che non sappiamo far uscire con le parole e che senza la scrittura restano sparse, in modo disordinato, nella nostra mente, e nel nostro cuore.

Vuol dire fare ordine, fare il punto della situazione, perchè rileggere quanto abbiamo scritto qualche tempo prima ci fa capire a che punto siamo, ci fa comprendere quello di cui abbiamo bisogno per davvero.

La narrazione è la modalità principale con cui, dall’età infantile a quella adulta, si sviluppano la mente e l’identità personale, e la nostra mente, ogni giorno, interpreta la vita, le persone e le situazioni in forma narrativa;  struttura e organizza ogni informazione, ogni evento e grazie a questo meccanismo, si orienta. La nostra mente mette in ordine, altrimenti sarebbe il caos.

George Mandler, psicologo americano  afferma, che ciò che non viene strutturato in forma narrativa, nella memoria, viene dimenticato.

Raccontare, diventa un modo per costruire un pensiero auto-biografico su di sé,   vuol dire dare un senso alla propria vita personale e professionale.  Ci aiuta  a riflettere sulle proprie credenze circa il cambiamento e a riorganizzarle in modo che assumano un significato diverso.

Oltre a questo, scrivere un  diario ha una serie di benefici immediati,  nel breve,   e nel lungo termine, per il nostro benessere: puoi cominciare il tuo diario creativo – via libera a istinto e fantasia –  dalle piccole cose, quelle a cui, normalmente  non facciamo caso:

  • raccontare di qualcosa che ti ha fatto sorridere, o ti ha sorpreso. Scrivere di cosa sei grato – e una volta che inizi a farlo,  ti  rendi conto di quante cose possono farti dire grazie ogni giorno, e inizierai a sentirti meglio;
  • scrivere sul proprio diario  i piccoli insuccessi ci aiuta a elaborarli e rileggendoli ci fa capire come possiamo modificare gli atteggiamenti sbagliati,  ma celebrare le piccole vittorie è una potente gratificazione, una grande motivazione.
  • Puoi scrivere il modo in cui vuoi iniziare la tua giornata, con le convinzioni potenzianti che ti accompagnano nel tuo lavoro, o una parola chiave che ti può supportare con  un nuovo progetto.
  • Puoi fare uno schizzo, un disegno, o scrivere – di getto –  senza pensare per almeno 15 minuti, senza badare alla forma, o alla sintassi. Un vero esercizio catartico – la scrittura espressiva – che aiuta a sciogliere blocchi e aumenta la consapevolezza su di sè.

Potrei continuare questa lista infinita ma la cosa migliore è provarla; se non ti  è naturale scrivere, prendilo come un piccolo allenamento iniziale, che diventerà poi una meravigliosa abitudine.

E un consiglio: inizia ogni tua giornata, o concludila, scrivendo sul tuo diario, dieci cose – le più piccole, piccole – per le quali puoi dire GRAZIE.

Quelle cose, che fanno parte della tua vita ma che magari dai un po’ per per scontate. GRAZIE è una piccola parola, molto potente.

Il caffè appena ti svegli, la tazza che lo contiene, come faresti a berlo? Lo zucchero – io sono da caffè dolce – e il cucchiaino che lo gira nella tazza. L’acqua che scende nel lavello, girando semplicemente il rubinetto. E il gas che accende il fuoco. E i biscotti preferiti.

E… ora continua tu!

Prendete un bosco incantato, uno vero però, una fata di oltre 400 anni, piccole creature magiche e colorate, un gruppo di viaggiatori in cerca di emozioni.

Aggiungete un pizzico di profumo di umido e verde – ne basta poco, è intenso e meraviglioso – una manciata di aghi di pino e una spolverata di creatività e fantasia. Mescolate, appoggiandovi al tronco di un antico castagno, e aspirate a lungo, la sua linfa vitale. E restate in ascolto…

Perché scrivere fiabe è un viaggio, che fai all’interno di te stesso, a scoprire le tue profondità. a ritrovare le parole che sono custodite da tanto tempo nella tua anima e aspettano solo di essere svelate.

Un laboratorio di scrittura, itinerante, nei sentieri del bosco, accompagnati dai messaggi antichi delle fiabe, per liberare le parole e scrivere la fiaba che hai nel cuore.

Quando? Due date: sabato 4 luglio ore 10.00 – 16.00

oppure, sabato 25 luglio ore 10.00 – 16.00

Dove? A casa di una Fata : Catena Rossa alla porta delle Fate.

Una giornata a contatto con la meravigliosa natura e la magia del Bosco. Lavoreremo rispettando le distanze di sicurezza, ma gli alberi non chiedono altro che di essere abbracciati, per donare la loro meravigliosa energia.

Puoi portare un pranzo al sacco o scegliere il pranzo da asporto che viene fornito dalla vicina pizzeria.

Il costo totale è di 80,00 euro escluso il pranzo.

Per informazioni e prenotazioni scrivi a fiabeincostruzione@gmail.com, o chiama al 3496501558

Un nuovo, meraviglioso viaggio ha inizio…

Al parco ci sono 3 bambini che prendono una tartaruga dal laghetto, per dargli del pane. La prendono, la tastano. La disturbano.

Emma si avvicina, con lo sdegno così puro e vero che può provare una bimba di 7 anni. “Cosa state facendo? Lasciatela stare non dovete toccarla. Siete matti. Lasciatela stare!”

Andrea 5 anni, quando prende un foglia da un albero, lo ringrazia per il suo dono.

Un bambino di circa 8 anni, riprende la madre perché, oltre alla mascherina, non porta anche i guanti, e lei si arrabbia dicendogli che è paranoico!

I bambini imparano subito, dalle parole ma soprattutto dall’esempio dei grandi, imparano a come rapportarsi con ogni cosa che li circonda, imparano il rispetto delle regole e non dimenticano mai quello che hanno imparato. Sono splendidi Maestri della Vita che ci invitano a guardare il mondo, con i loro occhi, colmo di meraviglia.

I grandi invece, dimenticano subito gli insegnamenti e le lezioni, anche quelle che lasciano il segno. Nel giorni in cui il mondo si è fermato, la natura ci ha mandato un messaggio importante, mostrando il respiro vitale di ogni sua creatura, senza la prevaricazione dell’uomo. Tutti hanno mostrato fotografie, video, hanno commentato. Sterili parole, perché tutto è tornato come prima, anzi peggio.

Insegnare ai bambini, fin da piccoli – famiglia e scuola sono le due agenzie educative primarie e fondamentali, che gli animali sono essere senzienti e meritano rispetto e cura, vuol dire insegnare loro l’empatia, per chi è diverso da loro. Insegnare a rispettare anche il più piccolo degli animali, vuol dire insegnare ad avere rispetto per ogni essere vivente, animale e umano. Vuol dire mettere le basi per far crescere degli adulti che questo mondo potranno cambiarlo per davvero.

Quando tratto una pianta con il Reiki, il suo profumo diventa più intenso: e il loro modi di ringraziare. Quando tratto un animale, mi ringrazia leccandomi la mano, anche se è l’animale più spaventato o sofferente.

Non ci sono speranze per un mondo incapace di essere compassionevole con chi è più debole, o diverso. Un mondo in cui esistono esseri ignobili, capaci di fare del male, assurdo e totale, a chi non può difendersi. Ma siamo ancora in tempo.

Ognuno di noi può fare la propria piccola, immensa parte!

Dicono che in Africa, da qualche parte, gli elefanti hanno un cimitero segreto dove vanno a morire, a liberarsi dei loro corpi grigi raggrinziti, per volare via, finalmente spiriti leggeri.
(Robert McCammon)

Spero che ora, tu e il tuo piccolo siate spiriti liberi e leggeri…