Eh sì! Domenica inizia il nostro spettacolo: “Le fiabe ad alta voce” e inizieremo con la prima lettrice che ci porterà in un posto magico per farci ascoltare la sua storia…

Leggere le fiabe ad alta voce è un dono che facciamo agli altri, di cura, attenzione e amore. E’ un dono che facciamo a noi stessi.

Un grazie di cuore alle bravissime lettrici, Maria, Simona, Rossana, Marta, Roberta, Bruna e Giusy, che si sono messe in gioco, e si sono impegnate per donarvi un piccolo attimo prezioso…

Manager Srl è una delle società più accreditate e riconosciute nellambito della formazione aziendale, professionale e ai privati., che ha come obiettivo di offrire percorsi formativi altamente qualificanti, in grado di preparare figure professionali specificatamente richieste dal mondo del Lavoro, con la promozione di corsi immediatamente spendibili in ogni contesto operativo.

Sono molto contenta di presentare un nostro corso che è presente nelle loro proposte di formazione on line e che naturalmente tratta di Fiabe:

Le fiabe per lo sviluppo e la crescita dell’uomo, un corso rivolto a genitori, educatori, insegnanti, operatori olistici, assistenti sociali, personale sanitario e tutti gli addetti ai lavori coinvolti nell’educazione del bambino.

La narrazione è uno strumento importantissimo di comunicazione nella relazione educativa, e la comunicazione alimenta il bisogno del bambino di relazione e conoscenza, insegnando empatia e accoglienza.
Leggere una fiaba ai piccoli, vuol dire creare uno spazio prezioso, di condivisione, amore, sicurezza, benessere e crescita. Uno spazio magico che funziona anche per mamma e papà.

Ma non solo per i piccoli!

Perché le fiabe sono un meraviglioso strumento di crescita personale ed evoluzione non solo per il bambino ma anche e soprattutto per l’adulto. Le fiabe parlano linguaggio universale, capace di arrivare ad ogni destinatario, uomo e bambino, indipendentemente dall’età, cultura e livello sociale.
Attraverso il linguaggio simbolico e la metafora, e nella forma semplice delle fiabe, raccontano le grandi tappe dell’esistenza umana, dei passaggi inevitabili e critici della vita individuale e familiare.
Ma soprattutto le fiabe offrono soluzioni, mostrano che gli ostacoli possono essere superati e che le avversità sono necessarie per crescere.

Perchè scegliere questo corso?

Perché le fiabe sono uno strumento fondamentale per lo sviluppo e l’evoluzione del bambino e anche dell’adulto e il corso fornisce gli elementi, tecniche e spunti per integrarle nella propria attività, ma anche nella vita privata.

Per iscrizioni e informazioni clicca qui e vai sul sito di Manager!

Scrivere nelle stanze antiche di un teatro; o nel bosco incantato abitato da una fata. O camminando per le vie della città, nei negozi dello shopping. Scrivere mentre piove. O tira un vento fortissimo.

Scrivere, scrivere e scrivere ancora. Scrivere fiabe, leggere fiabe.

Lo so, mi ripeto, ma non conosco un mezzo migliore delle scrittura e delle fiabe per farsi accompagnare nei tratti di strada più bui, o contorti. Ma sono splendide compagne di viaggio anche nei momenti di bellezza, e di serenità, perché ti aiutano a vedere la reale bellezza delle cose. Quella che spesso non riusciamo a vedere.

Scrivere fiabe è una cura per l’anima; vuol dire liberare la fiaba, la nostra, quella che abbiamo nel cuore e che chiede solo di essere raccontata.

Un corso di scrittura fiabe è un percorso, meraviglioso nella fantasia, nella creatività. Ti permette di entrare nel tuo vissuto interiore, con grande delicatezza, a piccoli passi, e ti mostra le emozioni velate che nemmeno sai di avere.

Ti aiuta a esprimerle in parole, parole bellissime e potenti che diventano storie.

Non ti serve molto, perché tutto è già dentro di te. Io, ti darò una cassetta degli attrezzi, ma sarà una cassetta magica, perché qui noi, scriviamo fiabe…

Sono gli ultimi giorni per iscriverti al Corso Scriviamo una Fiaba, corso di creatività e scrittura fiabe, organizzato con Idrafactory

Per tutte le informazioni e iscrizioni, telefona qui

Partiamo? Il nuovo viaggio, sta iniziando…

Non basta un video per mostrare la bellezza, la grande partecipazione e le grandi emozioni del nostro Pomeriggio da Fiaba.
Grazie di cuore a tutte le persone che sono intervenute e ai tanti bambini che hanno animato con la loro gioia, il nostro pomeriggio.
Grande successo delle bancarelle dei libri dismessi, una bellissima iniziativa che onora la lunga vita dei libri; i vecchi libri, anche quando hanno le pagine ingiallite e un pò rovinate, continuano a raccontare le loro preziose storie!
Molto apprezzata la lettura animata di Barbara Mini e Alessio Savoldi con Broccoli e Budini.
E molto apprezzata, emozionante e anche commovente, la premizione dei vincitori, anzi delle vincitrici del Concorso Paese da Fiaba.
Grazie al nostro sindaco Zuliani Albino che ha personalmente premiato le, emozionatissime vincitrici, grazie alla mitica Gabriella Alati che, oltre a far parte della giuria, ha magistralmente condotto l’evento, grazie a Mariachiara Aguzzi consigliere comunale che non ha potuto essere presente ma sappiamo che era con noi con il cuore, grazie a Flavia De Togni per il suo instancabile lavoro di preparazione, grazie alle mie fantastiche compagne di viaggio, che hanno condiviso con me il compito difficilissimo di scegliere le fiabe, Elena Stefania Pietra, Laura Valente, Gabriella Alati, @simonetta Bettinazzi.
E grazie, davvero a tutti i partecipanti al nostro concorso che ci avete dato il privilegio di leggere le vostre storie. Non è stato facile scegliere fra tante fiabe belle e ben scritte. Non smettete mai di raccontare le storie che avete nel cuore
Ed ora, ecco le vincitrici della 5^ edizione del Concorso Paese da Fiaba

1^ classificata UNDER 18, ormai una affezionata e bravissima vincitrice del nostro concorso
CHIARA ORIO con la fiaba IL POPOLO DELLE PAROLE

1 classifica AUTORI
SIMONA PLATE’ con la fiaba BRUZZETTA DEL FANGO
2^ classificata AUTORI
FIORELLA BONSI con la fiaba NINA
3^ classificata AUTORI
ROSSANA MAZZA con la fiaba IL MONDO DI LA’

infine una menzione speciale per la fiaba
BABY DO scritta da SIMONA PLATE’ che festeggia un fantastico BIS!

Ma la magia, non si ferma qui… il viaggio nelle fiabe, continua!

Meno 2!

Manca pochissimo al nostro pomeriggio da fiaba, in cui saranno premiati i vincitori del Concorso “Paese da Fiaba”, il bellissimo concorso letterario di fiabe, organizzato dal Comune di Padenghe sul Garda, con la biblioteca comunale e la collaborazione di Fiabe in costruzione.

Nonostante il periodo molto particolare, l’amministrazione comunale di Padenghe nelle persone di Luisella Girardi e Mariachiara Aguzzi, con Flavia De Togni della Biblioteca Di Padenghe, ha voluto organizzare un fantastico pomeriggio da Fiaba – un appuntamento aspettato da tanti – e nel rispetto delle normative vigenti.
Ma non poteva mancare! Con uno spettacolo meraviglioso per i piccoli che, siamo certi, piacerà a tutti i grandi, la bancarella del libri dismessi – un’occasione unica per ogni amante dei libri – e infine la premiazione dei vincitori del nostro bel concorso.

Così vi aspettiamo sabato 10 ottobre, sperando nella clemenza del tempo, nel bellissimo giardino della biblioteca. In caso contrario comunicheremo la nuova sede. Una splendida occasione anche per visitare il nostro bel lago.
Grazie alla bravissima giuria: Gabriella AlatiElena Stefania Pietra, Laura Valente, Maria Ventura, @simonetta bettinazzi

La magia continua!

https://youtu.be/thZu_Qx3cIE
 

Manca poco! Le nostre bravissime “lettrici ad alta voce” sono pronte per farvi ascoltare le parole che narrano storie, parole che hanno scelto fra mille altre, perché sono attimi che parlano al loro cuore.

Hanno scoperto che leggere ad alta voce è un atto di attenzione che si fa, prima di tutto per sé stessi, e poi per gli altri; che leggere per qualcuno è un momento di profonda condivisone e cura.

Un atto di amore.

Vincendo timori, paure varie, timidezza e ansie da prestazione, le nostre eroine hanno interpretato queste parole per voi.

Si sono messe alla prova, e si sono impegnate, giocando. E sono state bravissime!

Lo spettacolo sta iniziando…

Io ho ricevuto grandi lezioni di vita da analfabeti. Mio nonno mi diceva: quando incidi un albero per fare l’innesto devi mettere le mani così, e faceva il gesto di stringerlo, perché prende paura l’albero e gli viene la febbre. Era analfabeta, ma la sua era una forma di poesia primitiva.
Dal libro “Confessioni ultime” Mauro Corona Casa Editrice Chiarelettere

Da sempre. Lo insegnavano gli antichi ai giovani perché i pensieri cattivi non velassero loro gli occhi, scombinando ogni pensiero. Perché non dimenticassero da dove venivano. E dove dovevano andare.

Ogni volta che perdi la tua strada, fermati, e chiedi ad un albero. Lui ti mostrerà la via; sanno vedere così lontano.

Ma non dimenticare mai che anche il loro grande, immenso cuore, prova la tristezza, la paura e il dolore. La gioia e l’amore. Per questo amano tanto gli abbracci…

 

 

Ogni volta che sento parlare di caccia penso al bellissimo libro di Sepulveda, Il vecchio che leggeva romanzi d’amore, che racconta la caccia di una tigre, alla quale l’uomo ha ucciso i cuccioli e lei folle di dolore, attacca gli umani.

Il vecchio cacciatore sa che deve uccidere la tigre, perché è diventata troppo pericolosa, ma quando la affronta, è così grande il rispetto per il suo dolore, per la sua potenza. E altrettanto grande sarà il suo dolore quando l’avrà uccisa, da onorare questa morte e l’anima dell’animale.

Ho amato questo libro da subito. Sono contro ogni forma di caccia ma il confronto fra uomo e animale è raccontato con grande rispetto. Con amore. Sono due pari.

Oggi leggo di un cervo inseguito per ore dai cacciatori a cavallo, e dai cani, così stremato e terrorizzato che arriva su una strada di una zona industriale e si lascia cadere, senza ormai più forze. Succede in Francia, ma purtroppo succede ovunque. Si chiama sport, o passione, quello che invece è una crudeltà inutile.
Nell’antichità la caccia era praticata per procurarsi il cibo e chi cacciava aveva rispetto per l’animale che lo sfamava; rispettava e onorava la sua anima, ringraziandolo.
Siete uomini senza onore, voi che con il fucile in mano affrontate per puro divertimento e senza nessun rispetto, un avversario totalmente inerme e disarmato,
Questa volta volta il cervo si è salvato
: un gruppo di animalisti ha impedito che venisse attaccato dai cani e hanno fermato i cacciatori, dandogli il tempo di riprendersi e tornare libero nel bosco.
Come sempre mostriamo solo il bello per denunciare il male delle cose. Non mostreremo i suoi occhi sconfitti e umiliati.

Gli animali selvatici devono essere liberi e ogni forma di caccia deve essere fermata!
Fotografia di Ezio Giuliano

In attesa di incontrarvi alle giornate di presentazione Open day Idrafactory del 25 e 26 settembre per parlare del nostro corso di scrittura Fiabe, ecco un anticipo di quello che può accadere durante il nostro corso di scrittura fiabe.

Noi siamo cacciatori di emozioni…

Un giorno ti svegli e sei sicuro – almeno quasi sicuro – di essere un RE. Ma il castello dove ti trovi non è il tuo castello. Dove sono finiti i cavalieri e la servitù?E com’è che solo tu puoi vedere la tua corona?

Un viaggio lungo sette regni per sentirsi finalmente sé stessi…


Dal 24 settembre troverete in libreria “CERCASI RE!” di Mariarosa Ventura e Ilaria Tira.
Un albo illustrato scritto in STAMPATELLO, perfetto per chi vuole iniziare a leggere.

Un re senza regno, una corona invisibile, un viaggio alla ricerca di sè!

Una grandissima emozione. A volte, chi scrive, crea personaggi che restano nel cuore❤️Eccolo, il nostro piccolo Re confuso ha finalmente trovato il suo Regno!

Con i bellissimi disegni di Ilaria Tira fantastica compagna di viaggio in questa nuova avventura
Grazie MIMebù ed️izioni !